Associazione Amici di Maurizio Martolini

Ultime notizie:

Home History
ARBITRI CENTENARI 2012


Nel 2012 ricorre il centenario della nascita di quattro grandi Arbitri internazionali italiani:

Luigi Cicoria di Milano

Gualtiero Follati di Livorno

Vito Pinto di Roma

Pietro Reverberi di Reggio Emilia

 

Riportiamo per onorare la loro cara memoria i profili riguardanti la carriera di
questi indimenticabili personaggi che hanno tenuto alto il prestigio
della classe arbitrale italiana.

 

LUIGI CICORIA

Nato a Milano il 28 dicembre 1912.

Arbitro internazionale dal 1959; diresse gare ai Campionati Mondiali maschili di
Rio de Janeiro del 1963 e ai Campionati Europei  maschili di Helsinki del 1967.

Arbitrò 138 gare del massimo Campionato maschile dal 1946/47 al 1967/68.

Ricevette il Premio Vito Martiradonna per le stagioni 1958/59 e 1962/63.

 

GUALTIERO FOLLATI

Nato a S.Croce il 16 settembre 1912.

Arbitro internazionale dal 1948; diresse gare ai Giochi Olimpici di Londra
del 1948, di Helsinki del 1952 e di Roma del 1960 e ai Campionati mondiali
maschili di Buenos Aires del 1950.

Arbitrò 166 gare del massimo Campionato maschile dal 1940/41 al 1959/60.

Ricevette il Premio Vito Martiradonna per la stagione 1955/56.

 

VITO PINTO

Nato a Mola di Bari il 12 gennaio 1912.

Arbitro internazionale dal 1948; diresse gare ai Giochi Olimpici di Roma del 1960
e ai Campionati Europei femminili di  Mosca del 1952.

Arbitrò 151 gare del massimo Campionato maschile dal 1947/48 al 1959/60.

Ricevette il Premio Vito Martiradonna per la stagione 1952/53.

 

PIETRO REVERBERI

Nato a Reggio Emilia il 28 dicembre 1912.

Arbitro internazionale dal 1949; diresse gare ai Giochi Olimpici di Helsinki
del 1952, di Melbourne del 1956 e di Roma del 1960, ai Campionati Mondiali
maschili di Rio de Janeiro del 1954, ai Campionati Mondiali femminili di Mosca
del 1959 e ai Campionati Europei maschili di Mosca del 1953 e
di Budapest del 1955.

Arbitrò 171 gare del massimo Campionato maschile dal 1945/46 al 1961/62.

Ricevette il Premio Vito Martiradonna per la stagione 1953/54.

Iscritto (primo ed unico arbitro italiano) nella Hall of Fame della FIBA.